Altro giro, altra stecca. La Roma non sa più giocare.

di Simone Certelli

ROMA – Dopo cinque giorni ancora Roma e Samp, con i giallorossi che stavolta ospitano i genovesi. Nella prima mezz’ora di gioco molta Sampdoria, che assalta la difesa giallorossa e sfiorando in più occasioni il gol con Zapata. Di Francesco Scambia di posizione El Shaarawy con Ünder, con risultati leggermente positivi. Al 38′ calcio di rigore per la Roma per un fallo di mano in area di rigore; sul dischetto va Florenzi che tira centrale, non guarda la porta e calcia in bocca a Viviano, sfumando così il vantaggio giallorosso. Incredibile la prestazione di Allison, che salva il risultato con almeno quattro miracoli. Il secondo tempo si apre con due occasioni della Roma, prima con Pellegrini e poi con Ünder. Al 57′ Kolarov non vede il giocatore della Sampdoria e lo atterra, per Banti è fallo con ammonizione. Al 61′ esce Caprari ed entra Kownacki. Al 70′ esce Pellegrini ed entra Defrel. Al 72′ esce per la Samp Ramirez ed entra Alvarez, per la Roma invece esce Ünder ed entra Perotti. Al 78′  terzo ed ultimo cambio per la Roma, esce El Shaarawy ed entra Antonucci. All’80’ fallo di Florenzi e l’arbitro ammonisce il romanista per le proteste vibranti e dal fallo nasce l’azione che ha portato al gol Zapata, 1 – 0 Samp. All’86’ esce Torreira ed entra Capezzi. All’87’ l’arbitro ammonisce Murru per un fallo su Antonucci. Roma che esce sotto un bordata di fischi, manca praticamente tutto, testa, gambe ma soprattutto cuore. Una squadra di promettenti meteore che hanno retto mezzo campionato e che termineranno la stagione senza centrare neanche la Champions League se continuano così. Quarta sconfitta in casa. L’unica nota positiva il portiere Allison, che si ritrova a giocare con una squadra a cui mancano i fondamentali, non sanno passare, non sanno tirare, non sanno stoppare, non sanno crossare, non sanno battere le punizioni, i calci piazzati ma soprattutto i rigori. La Sud voleva la squadra sotto la curva ma non hanno avuto neanche il coraggio di presentarsi. E’ ora di svegliarsi!

Roma (4-3-3): Allison; Florenzi, Manolas, Jesus, Kolarov; Pellegrini (70′ Defrel), Strootman, Nainggolan; Ünder (72′ Perotti), Dzeko, El Shaarawy (78′ Antonucci). A disposizione: Lobont, Skorupski, Moreno, Fazio, Peres, Emerson, Perotti, De Rossi, Gerson, Defrel, Antonucci. Non disponibili: Karsdorp, Gonalons, Schick (Infortunati). All. Di Francesco.

Sampdoria (4-3-1-2):Viviano; Bereszynski, Silvestre, Ferrari, Murru; Linetty, Torreira (86′ Capezzi); Ramirez (72′ Alvarez); Zapata, Caprari (61′ Kownacki). A disposizione: Puggioni, Tozzo, Andersen, Sala, Strinic, Regini, Alvarez, Verre, Capezzi, Tomic, Quagliarella, Kownacki. Non disponibili: Dodò e Praet (Infortunati). All. Giampaolo.

Arbitro: Banti.

Recupero: 0;+5.

 

roma-sampdoria


Vota l articolo!:
[Voti: 0   Media: 0/5]

Check Also

Cassa integrazione, bonus ai lavoratori autonomi e aiuti alle famiglie: come funzionano le misure del “Cura Italia”

Raggiunta intesa che prevede per i lavoratori sospesi a causa dellʼemergenza coronavirus lʼanticipo della cassa …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *