VAN GOGH ALIVE NEL CUORE DI FIRENZE

La mostra prodotta e realizzata da Grande Exhibitions e Per-lage Grandi Eventi
sarà a Firenze fino al 12 aprile.

Dopo il grande successo mondiale con milioni di visitatori, la mostra Van Gogh Alive arriva nel cuore di Firenze a due passi dal Ponte vecchio nella bellissima Chiesa sconsacrata “Santo Stefano al Ponte”, dove  si organizzano  grandi eventi culturali e musicali.

La mostra  inaugurata a Firenze il 16 febbraio 2015 è un nuovo modo di vivere e conoscere l’arte: affascinante ed educativo. Prodotta e realizzata da ”Grande Exhibitions” e “Perlage Grandi Eventi”Van Gogh Alive è un’esperienza multimediale per tutta la famiglia. I capolavori di Van Gogh prendono vita, in una vibrante sinfonia di luci, colori e suoni. La sensazione offerta dalla visione dalla mostra multimediale nel contesto di S. Stefano al ponte è un’emozione ancora mai provata nel mondo.

Oltre 3000 immagini proiettate in altissima definizione grazie all’innovativo sistema SENSORY4 creano uno straordinario museo multimediale e offrono un viaggio attraverso l’universo creativo e visionario dell’artista: dagli intensi cromatismi, alla tumultuosa vicenda esistenziale.

SENSORY4 utilizza un sistema unico che incorpora 40 proiettori ad alta definizione, una grafica multi canale e un suono surround come quello delle sale cinematografiche. Per questo motivo è stato definito come uno dei più coinvolgenti ambienti multi screen al mondo. Immagini enormi, nitide e cristalline, così reali da desiderare di toccarle con mano, illuminano schermi e superfici nella chiesa sconsacrata di Santo Stefano al Ponte .

Dagli esordi nei Paesi Bassi, alla Parigi degli Impressionisti, fino alla permanenza ad Arles, Saint Rémy e Auvers-sur-Oise, dove ha dipinto molti dei suoi intramontabili capolavori, Van Gogh Alive offre al pubblico un’immersione totale nella pittura geniale e controversa dell’artista: dai Mangiatori di Patate, ai celebri Girasoli – da cui Van Gogh si sentiva irresistibilmente attratto, tanto da scrivere “Il Girasole, in un certo senso, mi appartiene” – dalle Notti Stellate allo struggente, ultimo quadro, Campo di Grano con Corvi.

L’alta definizione delle immagini proiettate consente  una visione inedita e ravvicinata dei dettagli delle opere, della straordinaria tecnica, del peculiare e avanguardistico per il suo tempo utilizzo del colore.Il tutto accompagnato dalle musiche di Handel, Tiersen, Lalo, Delibes, Viseur, Barber, Schubert, Kusturica, Godard, Part, Chabrier, Nielsen, Sakura, Satie, Zorn, Saint-Saëns, Liszt, Delibes e Godard.

Non posso fare a meno di commentare la mostra Van Gogh Alive con termini come “Unica”,“Eccezionale”,“Emozionante”e “Imperdibile”.


Vota l articolo!:
[Voti: 0   Media: 0/5]

Check Also

Il MEI – (meeting delle etichette indipendenti) 2020 di Faenza si colora di Puglia.

  Grande successo per il cantautore leccese Teto D’aprile vincitore del premio MEI (DiscoNovità) sul palco …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *