Nuova Mini Countryman 2021: uno stile di vita

Non ci stancheremo mai di dirlo, se scegli Mini scegli un Tuo stile di vita. Quale? Lo stile Mini, naturalmente. Originalità, Classe, Sportività tre concetti che si fondono e danno origine ad un vero e proprio “stile Mini”.

Per conoscerlo e capirlo si parte dall’impeccabile organizzazione dell’Ufficio Stampa di questo brand inglese dal DNA tedesco; ti trovi sempre nelle migliori condizioni per apprezzare una loro autovettura. Oggi proviamo la nuova Countryman Cooper S all4, firmata John Cooper Works; emozione pura soltanto a vederla.

E’ subito amore per un’autovettura unica, uno status symbol che si impone di generazione in generazione. La Countryman, modello Mini verso il quale i puristi hanno storto inizialmente il naso, oggi si conquista una posizione di preminenza nella produzione del marchio. Il 30% di Mini che escono dalla catena di montaggio Inglo-tedesca infatti, sono Countryman.

Cerchiamo allora di capire il perché di tanto successo. Giunti al restyling della seconda generazione oggi la Countryman ha raggiunto la perfezione costruttiva., questa è la percezione.

Ma sarà veramente così? difficile dirlo anche perché l’asticella della “perfezione” non sembra mai superabile e invece in casa “Mini” lo è.  A dircelo è il successo che ha ogni nuovo modello riscuote, bissando i successi precedenti. Il segreto? Alle spalle ci sono due grandi aziende automobilistiche ovvero MINI e BMW.

Mettiamo in moto il 2000 turbo benzina da 178 CV della versione Cooper S; il propulsore perde qualche cavallo per rispettare le restrizioni previste in termini di inquinamento, ma il piacere di guida non ne risente. Oggi questa Mini ha il catalizzatore ed è omologata Euro 6D.

Quindi, tradotto in termini di velocità e accelerazione, minori prestazioni? Nemmeno a dirlo. Se abbiamo meno cavalli, hanno pensato i progettisti, possiamo lavorare sul piacere di guida, evolvendo altre componenti fondamentali dell’autovettura.

Il telaio ad esempio, punto di riferimento della categoria, oggi può ospitare una trazione integrale migliorata e più performante. Gli inserimenti in curva ( anche curvoni  autostradali) sono davvero  “emozionanti” si può osare tutto.  La vettura si inserisce con precisione disegnando le traiettorie più estreme, ma rimanendo neutra e chiedendo al “pilota” di essere solamente accarezzata. Anche in queste situazioni si può splancare il gas e la motricità non ne risente. Lo sterzo è preciso, quanto di meglio si possa avere… sia che si adotti una guida rilassata che una guida sportiva.

Il cambio è il classico automatico Mini ad 8 marce; una cambiata dietro l’altra, dolce o rabbiosa, sempre perfetta, fatta al regime giusto e di conseguenza la possibilità di trasformare la Mini da auto per la famiglia in auto sbarazzina ed impertinente. . A proposito, con i freni di questa Mini si puo’fare l’impensabile.. anche le staccate più esasperate diventano normalità. Che dire, le parole non servono più, va guidata!

In termini di sicurezza stradale la nuova Countryman presenta naturalmente gli Adas più evoluti quali, frenata automatica di emergenza, cruis control adattivo, mantenimento corsia, oltre agli “assistenti alla guida” utili nella gestione quotidiana della vettura, come il riconoscimento dei segnali stradali.

All’interno dell’abitacolo si respira, come sempre, aria di grande eleganza. Dai pellami più prestigiosi alle plastiche più morbide, assemblate con cura teutonica maniacale. Tutto sembra essere posizionato al punto giusto per esaltare il piacere di guida. L’abitabilità sembra aumentata tanto che si sta comodi in 5, adulti, senza sacrificare lo spazio per i bagagli che possono essere sistemati in un ampio vano bagagli la cui capacità minima è stata portata a 405 litri.

In questa nuova versione della Countryman fa bella mostra la nuova strumentazione digitale; all’interno di un display da 5 pollici si concentrano tutte le funzioni più importanti dell’autovettura. Originale poi la soluzione di unire il display al piantone dello sterzo, garantendo così la massima visibilità ai piloti di ogni statura, non male!

L’ infotainment, se possibile,  e’stato migliorato così come il confort acustico in generale, in ogni condizione di marcia. Davvero impressionante come il confort di questa versione, che monta un nuovo e splendido cerchio da 19 pollici, sia ad altissimi livelli. Pensate, neppure il manto stradale delle vie storiche romane riesce a creare problemi. Un gran risultato.

Restyling esterno. Nuovi i fari a led anteriori, ridisegnati e di serie per tutte le versioni. Oggi c’è la possibilità di montare, come optional, anche i sofisticati Matrix, lo consigliamo . Nuovo anche il disegno per i fari posteriori che esaltano l’union jack, davvero belli.

Questa Mini ci è davvero piaciuta!  Mini, tutto il resto è noia.

 


Vota l articolo!:
[Voti: 1   Media: 5/5]

Check Also

Mini 2022, si rinnova un mito

Quando vedo una Mini, passato presente e futuro diventano una cosa sola ovvero un mito! …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *