NAUTICA: RANIERI INTERNATIONAL, QUANDO IL “MADE IN ITALY”SALE IN CATTEDRA

600 imbarcazioni prodotte ogni anno, oltre 300 esportate in Europa e nel mondo; la nuova sfida si chiama Cayman ovvero i gommoni secondo Ranieri International.  La storia, il presente e le nuove sfide raccontate da Salvatore Ranieri, mente e cuore dell’Azienda. 

foto Salvatore RanieriLa cantieristica italiana ha da sempre rappresentato un’eccellenza nel settore della nautica mondiale; un risultato conquistato, sul campo, da esemplari interpreti del settore. La famiglia Ranieri ne è un esempio. Salvatore Ranieri,  Direttore  Commerciale della Ranieri International ricorda così la storia della sua azienda.

“Ero un bambino, quando mio padre Pietro, grande appassionato di motori, negli anni 70 iniziò a produrre le prime barchette in vetroresina.  Con il passare degli anni, puntando su innovazione e qualità, il brand “Ranieri” iniziò ad essere riconosciuto a livello nazionale. Gli anni ottanta e novanta sono stati due decenni in cui “Ranieri” è diventato protagonista della nautica da diporto non  solo in Italia, ma anche in Europa.

Nel 2005 provvedemmo ad un restyling del brand “Ranieri”  trasformandolo in “Ranieri International” e dando al medesimo una connotazione di  carattere  internazionale. Si introdusse, già da allora, un nuovo concetto di organizzazione del lavoro, di tipo industriale pur rimanendo una realtà produttiva  basata su  una conduzione familiare. L’azienda oggi viene portata avanti dal sottoscritto  insieme a mio fratello Antonio e da mio padre  Pietro con la collaborazione di 50 dipendenti altamente specializzati. I numeri dell’ attuale produzione sono: 600 imbarcazioni all’anno, di cui il 50 %  destinato al mercato europeo e mondiale.”

Numeri importanti nella cantieristica “medio/piccola, che consacrano Ranieri International azienda leader nel settore. “Essere considerati  al top,  ricorda Salvatore Ranieri, significa produrre barche capaci di soddisfare pienamente le esigenze del cliente. Contiamo oggi quattro linee di produzione  per  un totale di trenta diversi  modelli di imbarcazioni.  Chi compra una barca “Ranieri International” investe in qualità, in un prodotto ben rifinito, con cura nei dettagli,  con la  certezza che i materiali utilizzati sono frutto di un’attenta  selezione e soprattutto acquista un prodotto “Made in Italy”.

Il 2015  sarà per Ranieri International un anno di nuove sfide. Dopo le imbarcazioni, all’ultimo Salone Internazionale di Genova, è stata presentata una nuova linea di gommoni: i Cayman. Abbiamo chiesto a Salvatore Ranieri perché questo passo?

“Noi abbiamo sempre prodotto barche e dopo aver arricchito l’offerta in termini di modelli, abbiamo colto un’importante sfida proveniente dal mercato internazionale e dalla clientela: la produzione di gommoni.

I programmi dell’immediato futuro  sono quelli arricchire la linea Cayman con nuovi modelli di altre metrature. Non sveliamo nulla, possiamo soltanto dire che la qualità sarà quella di sempre.” Se si investe in tecnologia, in nuovi prodotti , sicuramente si pensa che dal 2015 il mondo della nautica sarà in reale ripresa

“ In Italia, afferma Salvatore Ranieri il settore nautico da diversi anni è in una fase di rallentamento, tuttavia  la nostra Azienda registra numeri in controtendenza, infatti, il nostro fatturato negli ultimi anni è in crescita, tutto ciò grazie ad una sana e seria politica commerciale.

Il 2015 sembrerebbe essere iniziato all’insegna di un maggiore ottimismo da parte del mercato Italia e se il buongiorno si vede dal mattino……”

Di Andrea Barbieri


Vota l articolo!:
[Voti: 5   Media: 5/5]

Check Also

Coronavirus, al via a fine aprile i primi test del vaccino sull’uomo | Rezza (Cts): “E’ candidato promettente”

I test saranno effettuati su alcuni volontari britannici. Se ci saranno esiti positivi già a …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *