Serie 4 Gran Coupé xdrive: Bmw a “muso duro”

Mi piace così come è, con quel doppio rene “grande” che mette in discussione una filosofia stilistica, mai banale, capace di interpretare “il futuro” della casa bavarese. BMW si ama nella sua evoluzione, a prescindere dai giudizi espressi. Una nuova linea stilistica è il presente e alla fine, come sempre, risulterà vincente.

La  Serie 4 Gran Coupé segue la 4 Coupè nella “rottura” con il passato, evidenziando, a mio giudizio, il carattere di sportività ed eleganza che le auto di Monaco hanno nel loro DNA.

L’ufficio stampa di BMW Italia, puntuale come sempre nell’assecondare i nostri “desiderata”,  mette a disposizione una 420 d Gran Coupè Xdrive che proverò sulle strade dell’Isola d’Elba. Già dal primo sguardo si capisce che la nuova Serie 4 Gran Coupè Xdrive rispetto al modello precedente risulta essere più lunga, più larga e più alta. I numeri parlano chiaro: 4,78 metri di lunghezza  1,85 metri di larghezza e 1,44 metri di altezza. L’aumento delle misure  ha permesso di garantire un  bagagliaio “più grande” che parte ora da un minimo di 470 litri per arrivare a oltre 1300 litri in configurazione “sedili abbattuti”. E’ evidente però che la “sportività Bmw” non manca neppure in questo modello che si presta ad essere preso in considerazione anche da una famiglia con figli. La ricercatezza di quello “stile nuovo” di cui abbiamo parlato all’inizio della prova si accompagna all’adozione di  nuove soluzioni tecniche all’avanguardia come, ad esempio, il nuovo sistema di controllo attivo dei deflettori dell’aria  che comprende flap nella parte superiore e inferiore, prese d’aria efficienti  e fondo dell’auto sigillato. Un vero capolavoro tecnico funzionale.

Inizia il test drive. Lo dicono le carte, ma si avverte subito. Cosa ? il  comportamento “neutro” che si percepisce nella guida di questa autovettura. Quando provo una BMW dico sempre di trovarmi ad indossare un abito sartoriale di alto livello. Anche questa Serie 4 Gran Coupe’ si cuce addosso al suo driver. Sfoggiando una grande capacità ingegneristica/progettuale i tecnici di BMW hanno reso possibile, su questa autovettura, una distribuzione dei pesi che risulta ora essere del 50 e 50, un baricentro più basso e per la prima volta un rinforzo di collegamento degli ammortizzatori anteriori al telaio.

Risultato: la perfezione. Esagerato? Non credo. Va guidata questa BMW per capire tutte le potenzialità che è capace di offrire. Si parte dal motore. E’ il noto 4 cilindri turbo diesel, 190 cv,  questa volta elettrificato in maniera soft, mild hybrid. 2 litri TwinPower Turbo con iniettori che lavorano a 2.500 bar , un sofisticato sistema di riutilizzo dei gas di scarico, presenza del sistema ibrido 48 Volt e il gioco è fatto: livelli di inquinamento e consumi da record. La casa costruttrice parla 4,8 litri per 100 km, noi nel nostro test abbiamo registrato una media di 5.1 litri per 100 Km. Non male. Per completezza di numeri, ricordiamo i 7.9 secondi nello  0-100 e i 235 km/h di velocità massima in pista.

Il piacere di guida che fornisce questo propulsore è da sempre un punto di riferimento per la categoria. Pronto, mai rumoroso, aggressivo già dai regimi più bassi. Le curve dell’Elba esaltano l’insieme… “piacere di guida” puro. Tornante dopo tornate si apprezza il sistema di trazione Xdrive giunto alla piene maturità nel suo sviluppo, capace di garantire una motricità assoluta.

Capitolo infotainment. La nostra  Serie 4 Gran coupè presenta l’oramai noto  sistema operativo iDrive e display da 8,8 pollici oltre ad un quadro strumenti a colori da 5,1 pollici. Il sistema di navigazione BMW supporta sia Apple CarPlay sia Android Auto. ADAS. Guida autonoma di Livello 2: Active Cruise Control con Stop&Go, per aiutare nella guida in città, l’innovativo sistema di sicurezza il Driving Assistant Professional e il mantenimento della corsia attivo con prevenzione delle collisioni laterali. Tre parole per questa nuova BMW Serie 4 Gran Coupè: stile, performance e comfort. Chi sceglie questa autovettura predilige una guida sportiva, ma allo stesso tempo non rinuncia al comfort della berlina a 4 porte. Una rivoluzione.

 

 

 

 


Vota l articolo!:
[Voti: 1 Media: 5]

Check Also

Honda Jazz: l’elettrico intelligente

Chi legge i miei test sa che amo “emozionarmi” quando guido una vettura…e questa Honda …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.