“REALE ACCADEMIA DI SPAGNA A ROMA BORSISTI 2015”

PUERTAS ABIERTAS. RESIDENCIAS 2014-2015″ DAL 1873 I BORSISTI,

“ECCELLENZE ARTISTICHE DEL MONDO, OGNI ANNO A ROMA “

Entrare a far parte della Reale Accademia di Spagna a Roma, vincere la borsa di studio per poi creare nella città eterna la propria “Opera”, è veramente vivere sogno indimenticabile. Abbiamo incontrato alcuni dei 14 artisti prescelti dell’anno 2014-2015 che in questi giorni hanno presentato le loro opere  in una mostra all’interno della stra-sognante Accademia nel cuore del Gianicolo a Roma.

– Ciao Giuseppe Vigolo, ciao Antonella Zerbinati, voi siete gli unici artisti italiani prescelti! Ma quanti sono queste pallottole ??

– La nostra opera si compone di 365+1 immagini di Santi incise su proiettili browning calibro 50, un anno solare più una dell’anno bisestile, un sorta di calendario solare. Siamo gli unici fortunati “borsisti” italiani, dell’Accademia di Spagna, scelti per stare qui sei mesi, stipendiati per produrre un’opera artistica, che poi verrà esposta e trasferita alla Real Academia de Bellas Artes di San Fernando di Madrid, insieme alle incisioni di Francisco De Goya dai disastri della guerra della traduzione grafica spagnola. Forse ci sarà un Workshop a Sofia, spiegheremo agli studenti le tecniche usate.

– Antonella, raccontami la costruzione dell’opera !!

– Si chiama “Santos Días”, titolo simbolico, Santi Giorni, collegando un Santo ad un proiettile, con una ricerca sul Martirologio Romano il libro liturgico dei Santi, scegliendo i più rappresentativi, incidendo le immagini importanti, con la tecnica della sabbiatura.

– Un tema molto forte e delicato!!

– La nostra è una provocazione di poter fare una riflessione all’osservatore, quella di considerare che nello stesso proiettile c’è un messaggio di morte e di salvezza, per capire quanto sia importante deviare i proiettili verso la messaggio di pace.

– Giuseppe parlami del tuo percorso artistico?

– Io ho studiato a Venezia laureato in Arti Visive e Discipline dello Spettacolo, sono stato ospite di residenze artistiche all’Accademia delle Belle Arti a Varsavia.

– E tu Antonella!!

– Mi sono laureata in Pittura e disegno erotico, diplomata per diventare insegnante nella scuola secondaria, a volte collaboro con Giuseppe, io ho fatto la ricerca dei Santi inizialmente disegnate insieme.

Abbiamo avuto un budget di 10.000 € per i materiali e per lavoro. Potevamo usufruire fino a 20.000, ma siamo riusciti alla fine a stare nei 10.

– Giuseppe chi vuoi ringraziare!

– Ci tengo a ringraziare Cesar Espada che già due anni fà aveva creduto nelle mie cose e questa scommessa.

– Da 1 a 366 Antonella che proiettile sceglieresti?????

– Il 17

– E tu Giuseppe !!

– (ridendo ahhhh) Io nessuno, non vorrei trovarne nessuno sulla mia strada! ( ahhhh).

( Abbiamo incontrato un altro giovane artista con il suo libri “Tiempo Muerto” che con la sua Rigenerazione Cellulare Completa ci fa vivere fino a 294 anni)

– Ciao Joan Espasa è tutto vero!!

– Si certo se ci sottoponiamo al RCC, processo che avviene tra i 20 ai 40 anni, una persona puoi poi vivere fino a 294 anni, arrestando l’invecchiamento.

– Ripartiamo dall’idea iniziale come è nato tutto!!

– All’inizio avevo scritto un opera teatrale, ma i personaggi dovevano dire tante cose, allora ho cominciato a scrivere i testi con dialoghi e parti narrative.

– Parlami di te!

– Arrivo da Madrid ho 38 anni, scrivo per il teatro, ma non riesco a viverci, allora insegno anche il clarinetto nelle scuole municipali di musica, ho due figli ed è per questo che sono venuto qui in Accademia per soli tre mesi, sono stati sufficienti per poter realizzare la mia opera.

– Perché dovremmo comprare il tuo libro!

– Perché parlo di temi attuali. Il presente, l’ossessione per la giovinezza, della sicurezza e disuguaglianza sociale del mondo. I problemi di una studentessa idealista, suo padre ricco chirurgo a una coppia sulla soglia dei quarant’anni incertezza del futuro che ci avvolge tutti.

– Un scrittore film.

– Jaun Rulfo e Samuel Becket, un film che si avvicina al mio stile “Eternal Sunshine of the Spotless Mind con Jim Carry” la storia di un uomo e una donna che vanno dal dottore per dimenticare i loro problemi.

– Un cantante un attore preferito !

– Johnny Cash e Javier Bardem, il cattivo di 007… che non muore mai perché adotta la mia RCC. Ahhhhhhh.

( Ed ecco il Direttore dell’accademia incontrato nell’atrio della splendida struttura)

– Direttore Fernando Villalonga quali sono le qualità per essere ammessi qui in accademia e cosa trasmettere e ricevere dagli artisti !

– Ordine e Liberalismo!! Noi costruiamo un ambiente favorevole per la loro crescita artistica, per varie discipline: musica, storia dell’arte, performance, scrittura, scultura, applicazioni multimediali, cinema, Etc.., diventando una comunità artistica completa.

– Da quanti anni c’è questo concorso e come vengono selezionati gli artisti!

– E’ molto antico, dal 1873, i Re spagnoli hanno sempre sponsorizzato gli artisti accostandoli alla classicità di Roma, fondando l’accademia nel periodo di Amedeo di Savoia. Gli artisti selezionati dalla grande accademia di San Fernando, ministero degli affari esteri, una selezione di circa 400 scelti solo 14, il prossimo anno arriveremo a 19.

– Cosa vuole dire agli artisti del futuro!

– Che questa è una opportunità unica e che a volte stilisti attuali dell’arte sono troppo proiettati al Futuro, troppo concettuali dimenticando i preziosi insegnamenti , dimenticando le origini e l’origine è la classicità.

– Grazie Direttore dell’ospitalità, ma vedo un grande artista vicino a lei, il suo dog, di nome MAVIS che fa dei tuffi spettacolari, la vera reginetta mascotte dell’Accademia che fa dei tuffi in acqua incredibili..

– Ahhhhh ( il direttore divertito) si veramente stupisce anche noi!!

– Ciao Antoni Adad! Il tuo Blind innovativo e socialmente utile, direi geniale, sei professore ma vuoi che ti chiami solo Artista!!

– Sono laureato in Storia Dell’Arte ma siccome sono stato un pessimo studente ho deciso radicalmente di passare dalla teoria alla pratica, alla tecnologia mobile. Ho lavorato con disabili, prostitute, emigranti, zingari, disabili motori facendo delle cartografie per città inaccessibile, questo è una mia sfida con la vita!

– Raccontami del tuo Blind Wiki!!

– È un prototipo di rete City In internet, dove le persone non vedenti, posso registrare gli ostacoli geolocalizzati, individuati nelle strade nei loro Smartphone, le barriere architettoniche, e poi la stessa applicazione permette loro di riascoltare i messaggi per superare i vari ostacoli.

– Una vera App solidale e direi geniale, e penso sia uno dei primi tecnologici della storia dell’accademia

– Si io sono un transfert della tecnologia e cultura, voglio dare voce ai più deboli, a chi voce non ha.

– Ciao Adrian Silvestre, giovane regista!!

– Ahh non tanto giovane, 34 anni.

– Ricordami il Titolo del tuo lungometraggio

– “Los Objetos Amorosos” (Gli oggetti

Amorosi)

– Allora per te l’amore è un oggetto!!

– No loro i miei personaggi sono gli oggetti dell’amore. Ahhhh

Questo film è iniziato come ricerca,di solito prima di scrivere cerco una comunità, di solito sono donne emigranti e realizzo dei laboratori, raccolgo delle informazioni, le loro condizioni di emigranti in Europa. Come mantenere una famiglia a distanza, diversità culturali, essere una professionista Etc..

In questo film ci sono più di 50 donne intervistate.

– Parlami del Film

Tratta di due donne una dal Cile, l’altra Colombiana che si trovano a Roma . Una vuole integrarsi partendo dal basso: lavoro, crearsi una famiglia …

L’altra esattamente il contrario non crede che in Europa ci sia posto per lei. L’una impara dall’altra in una Roma a volte anche brutta piena di contraddizioni.

– Parlami di te. A cosa giocavi da piccolo!!

– A tutto tranne il calcio, ahhhhh.

Nato a Valencia, giocavo a Basket, poi a 17 anni mi sono trasferito a Madrid studiano cinema anche a Cuba.

– Cosa consigli ai giovani !!

– Si certo io consiglio di prendere una telecamera e riprendere il più possibile, studiare si ma la pratica vale tutto!!

– Una canzone Italiana che ti piace !!

– Ahhhhhhh

( il nostro regista ridendo intona.. )

“Com”è bello far l’amore da Trieste in giù …… ”

– Ma che fai canti Raffaella Carrà

Ahhhhhhh

( Abbiamo incontrato il nostro gancio per questo viaggio all’interno dell’accademia) “Maria Luisa Contenta” la responsabile dei Borsisti e attività culturali.

– Ciao Maria Luisa siamo noi veramente “Contenti” di essere qui!!

Ahh Il piacere è tutto nostro!!

– Ricordiamo il titolo esatto di questo viaggio dedicato ai Borsisti e all’accademia!

– Puertas Abiertas. Residencias 2014-2015.

“Porte aperte artisti in residenza del 2014/15, questo titolo ogni anno è diverso e comunque si tratta dell’esposizione finale dei borsisti in residenza.

– Dove siamo in questo momento !

– Siamo in Piazza San Pietro in Montorio al Gianicolo, adiacenti alla residenza dell’ambasciatore di Spagna a Roma. Le ambasciate sono due: quella presso lo Stato Italiano a Largo Fontanella di Borghese e Presso la Santa Sede in  Piazza di Spagna.

– Parlami del concorso !!

– Si c’è un regolamento,  il Ministerio de Asuntos Exteriores y de Cooperación –AECID ogni anno indice delle borse di studio per risiedere presso questa Accademia, successivamente vengono pubblicate sul Bollettino Ufficiale dello Stato (BOE) come la nostra Gazzetta Ufficiale, dopodiché tutti vi possono accedere online e presentare il proprio progetto: queste borse di studio (architettura, arti visive, storia dell’arte, restauro, scultura, video arte ecc) sono rivolte agli spagnoli, latinoamericani e da quest’anno anche agli italiani. Una volta scaduto il termine di presentazione, online, sempre a Madrid, una Commissione esterna di specialisti in ogni campo artistico effettua una prima selezione analizzando dai 400 ai 450 progetti presentati: Successivamente si riunisce il Patronato sempre a Madrid (commissione composta  da 20 personalità del ministero spagnolo, della Real Accademia di Belle Arti di San Fernando, dagli Ambasciatori, dal Direttore di questa Accademia e da altre personalità di alto livello intellettuale) . I prescelti variano ogni anno,  vanno dai 14  ai 19 borsisti nelle diverse discipline. Il loro periodo di residenza a Roma va dal 1 ottobre al 30 giugno dell’anno successivo. Non vi è limite di età, percepiscono, 1.200€ al mese e fino a 20.000€ per realizzare il loro progetto artistico.

– Il copyright del progetto rimane all’accademia!

– No. Al termine della residenza loro devono donare due opere,  se risiedono 9 mesi e una se risiedono 6 mesi.

La presentazione ufficiale al pubblico è nel periodo di giugno, e termina a Luglio.

– C’è stato un artista che ha sfondato

Aumentando la sua notorietà!

– Ve ne sono tanti che sono passati in questa accademia, per esempio, mi viene in mente adesso Juan Francisco Casas, il campione dei ritratti con la “Biro”. Te lo presenterò perché esporrà a Gennaio qui da noi.  E’ famoso ed espone in tutto il mondo.

– Cosa consigli ai giovani e sono utili i concorsi!

– Consiglio di studiare molto, ed essere sempre assetati di conoscenza. L’opportunità di vivere in un altro paese è sempre una fonte di arricchimento personale.

– Un cantante che ti piace, un attore!

– Patti Smith, Kim Rossi Stweart

– Se dovessi accostare un Film a questa Accademia cosa sceglieresti

– Ahhhhh ovviamente “La grande bellezza”, girato sotto la finestra del mio ufficio. Quando mi affacciavo mentre giravano il film davanti bellissimo Tempietto del Bramante, Toni Servillo mi salutava con la mano,  Il successo e la location del film ha contribuito ad un crescente afflusso di turisti e studiosi che arrivano da tutto il mondo per visitare la bellissima opera architettonica del Bramante.

– Se dovessi ringraziare qualcuno nella tua vita, a chi ringrazieresti !

– La fortuna!! Forse me stessa, perché io penso sempre in positivo,

Quando ti muovi in positivo tutto ti ritorna, prima o poi!

Di Angelo Martini

PH: Giacomo Prestigiacomo


Vota l articolo!:
[Voti: 0   Media: 0/5]

Check Also

Il MEI – (meeting delle etichette indipendenti) 2020 di Faenza si colora di Puglia.

  Grande successo per il cantautore leccese Teto D’aprile vincitore del premio MEI (DiscoNovità) sul palco …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *