La terapia nutrizionale nel paziente oncologico: appropriatezza, sicurezza ed equità di accesso al trattamento

foto malato oncologico

Il tema è stato affrontato nel IX Rapporto sulla condizione assistenziale dei pazienti oncologici presentato nel corso della XII Giornata del malato oncologico, organizzata dalla Favo, la Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia. La Nutrizione Clinica è parte integrante del percorso di cura del paziente oncologico che, in fasi diverse della malattia, può necessitare del ricorso ad un supporto nutrizionale specializzato per evitare l’insorgenza di malnutrizione e l’impatto negativo che quest’ultima determina sugli esiti del trattamento specifico.

Per i pazienti oncologici esiste ancora troppa difformità sul territorio nazionale di accesso alla terapia nutrizionale.

È stata recentemente condotta una survey italiana nata dalla collaborazione tra l’Associazione Italiana degli Oncologi Medici (AIOM) e la Società Italiana di Nutrizione Artificiale e Metabolismo (SINPE) che ha ribadito come la scarsa attenzione nei confronti della nutrizione nei pazienti oncologici è un problema preoccupante e  che la valutazione nutrizionale viene effettuata solo su richiesta dei pazienti in circa la metà dei casi e che solo il 16% dei professionisti che ha aderito al sondaggio utilizza strumenti di screening nutrizionale. Una precoce riconoscimento delle problematiche nutrizionali è fondamentale per organizzarne una corretta gestione. Nell’ambito della giornata  è stata presentata la carta dei diritti nutrizionali del paziente oncologico (FAVO, AIOM, SINPE) che attesta ancora una volta la necessità di una erogazione tempestiva e uniforme della terapia nutrizionale domiciliare , in particolare per la nutrizione parenterale domiciliare. In tale senso sono state segnalate le buone pratiche delle Regioni Piemonte e Toscana da replicare in altre realtà, quest’ultima (Toscana)  in particolare grazie alla rete integrata nutrizione clinica ospedale – territorio gestisce la nutrizione clinica quale parte integrante del percorso oncologico. Le delibere 580/2010 e 340/2017 esplicitano in tutte le fasi di cura del paziente la gestione nutrizionale. La terapia nutrizionale è garantita dal momento della diagnosi e per tutto il percorso clinico in particolare, per la nutrizione parenterale domiciliare il supporto nutrizionale è  gestito con la massima sicurezza, appropriatezza  e sostenibilità per il sistema sanitario regionale.

 


Vota l articolo!:
[Voti: 0   Media: 0/5]

Check Also

Koine’2020: IEG lancia il progetto#SAFEBUSINESS

Rimini, 13 maggio 2020 – Fare fiere e partecipare alle fiere nel pieno rispetto delle regole …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *