EATALY E SMEMORANDA INSIEME PER L’AGENDA MADE IN ITALY

Cosa hanno in comune Eataly, l’azienda promotrice del made in Italy enogastronomico nel mondo, e Smemoranda, altro storico marchio italiano? Un progetto editoriale che parte con un notebook sostenibile. Tre colori, due formati e 192 pagine in carta ecologica.

I due marchi italiani si sono associati per realizzare una linea di prodotti di carta con materiali di alta qualità, nel rispetto dell’ambiente: le emissioni di CO2 derivate dalla produzione delle agende saranno compensate dal rimboschimento delle aree demaniali che Smemoranda cura tra Milano e Pavia. Un’iniziativa in linea con i valori di design e creatività all’italiana proposti dalla famiglia Farinetti

SmemoIl progetto Eataly-Smemoranda parte con un notebook, ma andrà avanti con una linea di prodotti in carta per un pubblico di consumatori che ama scrivere, leggere e prendere appunti nel totale rispetto della natura.

«Sono sempre stato un fan di Smemoranda – ha raccontato Francesco Farinetti, A.D. di Eataly -, lavorare con il team di Smemo è stata un’esperienza stimolante: creatività e design italiani con grande attenzione ai temi dell’ecosostenibilità cari a Eataly».

«La mia prima volta a Eataly è stata a Genova, poi New York e da subito ho respirato aria di casa – ha detto nel corso della conferenza stampa di lancio del notebook Nico Colonna, Presidente di Gut edizioni e Direttore di Smemoranda – poi l’incontro con i Farinetti, padre e figli. Abbiamo parlato tra noi e ci è sembrata l’occasione giusta. È stato facile, tantissime le affinità culturali e i valori condivisi. Adesso si parte insieme alla conquista del Mondo».

E per Smemoranda sarà la prima volta oltre i confini nazionali.  Il notebook, che parla inglese, sarà infatti distribuito negli Eataly di tutto il mondo.

«Smemoranda – spiega Gino, condirettore e autore di Smemoranda – è uno dei marchi più noti in Italia, ma non era mai uscita dai confini nazionali. Anche per questo la collaborazione con Eataly è per noi un motivo di grande interesse».

Il progetto editoriale nasce da un incontro quasi casuale. «Le nostre strade si sono incrociate per l’altra attività, quella che ci vede autori di Zelig – ha raccontato Michele, anche lui condirettore e autore di Smemoranda -. Con Oscar Farinetti pensavamo di far qualcosa in quell’ambito, magari di occuparci del cartellone di Eataly Smeraldo. Poi, l’idea: un progetto editoriale sostenibile, sviluppato in meno di un anno».

In Italia il notebook è disponibile negli store Eataly e nei bookstore Coop.

di Maria Antonietta Izzinosa


Vota l articolo!:
[Voti: 0   Media: 0/5]

Check Also

Coronavirus, al via a fine aprile i primi test del vaccino sull’uomo | Rezza (Cts): “E’ candidato promettente”

I test saranno effettuati su alcuni volontari britannici. Se ci saranno esiti positivi già a …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *