“Primo soccorso nelle scuole”: Mario Balzanelli, padre dell’iniziativa ringrazia le Ministre Lorenzin e Fedeli

MG_2071 balzanelli

 

L’appuntamento è per martedì 7 novembre, ore 14, presso il Ministero dell’Istruzione e dell’Università. Il “Primo Soccorso a scuola” diventa realtà. L’Art. 1, comma 10, della legge La buona Scuola prevede, per la prima volta, che nelle scuole secondarie di primo e secondo grado vengano realizzati iniziative di formazione rivolte agli studenti per promuovere la conoscenza delle tecniche di primo soccorso. Si tratta di una svolta storica! afferma Mario Balzanelli, Presidente della Società Italiana Sistema 118 (SIS118) ; una vittoria strepitosa del popolo italiano e delle istituzioni,  un traguardo autentico di civiltà sociale, condiviso insieme, con pieno merito, dalla cittadinanza nazionale, dagli organi istituzionali, dallo Stato. Un grazie immenso, in ordine storico, a 93.000 italiani, al Parlamento e – particolarmente – alle ministre del MIUR Valeria Fedeli e del Ministero della Salute, Beatrice Lorenzin. Senza di loro, non saremmo qui a vedere l’Italia porsi a modello educativo di eccellenza, a livello planetario, in termini di insegnamento del Primo Soccorso in età scolare. Quando, il 28 luglio 2005, a Taranto, terminai di raccogliere 93.000 firme, in tutta Italia, con la proposta di iniziativa legislativa popolare finalizzata alla introduzione dell’insegnamento del Primo Soccorso nella Scuola Italiana, non ero affatto in grado di prevedere se tutto questo sforzo sarebbe mai stato coronato da successo. Invece così è stato. Prima volta nella Storia della Repubblica. I nostri ragazzi, da oggi in poi, impareranno a soccorrere, a salvare vite umane. Innumerevoli vite umane, negli anni a venire, verranno salvate. Niente di più grande, niente di più bello”

 

 


Vota l articolo!:
[Voti: 0   Media: 0/5]

Check Also

Koine’2020: IEG lancia il progetto#SAFEBUSINESS

Rimini, 13 maggio 2020 – Fare fiere e partecipare alle fiere nel pieno rispetto delle regole …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *