L’ORIENTE è SEMPRE PIU’ VICINO…

Festival dell’Oriente 2014 a Roma   

Una grandissima affluenza di pubblico ha riempito gli stand della Fiera di Roma che hanno ospitato

la settima edizione del “Festival dell’Oriente” dal 31 Maggio al 2 Giugno: la manifestazione è stata incentrata su un percorso coinvolgente delle culture e del folklore di paesi lontani e affascinanti, con oltre 400 spettacoli, performance, conferenze e seminari di studio.

Nei padiglioni del Festival sono state presentate in contemporanea nei 3 palchi e nelle decine di aree tematiche le Cerimonie tipiche e le Tradizioni dei vari Paesi.

danza dei leoni

Tra le esibizioni più attese il “Taiko”, il concerto di tamburi giapponesi eseguito dai “MASA DAIKO” uno dei gruppi più famosi ed ambiti al mondo; la Danza acrobatica del Leone, eseguita dagli atleti dell’ASD Tao Chi del Sifu Maurizio Di Bonifacio, che indossando il tradizionale costume del Leone Cinese hanno danzato sospesi su pali a quasi due metri d’altezza utilizzando le tecniche del Kung Fu su musica di tamburo, piatti e gong. I movimenti degli atleti e la musica hanno creato dei veri momenti di suspence e hanno trascinato il pubblico emotivamente.

Un altro momento di spettacolo attraente è stata la danza Egiziana “Tannura” nella quale il danzatore ha eseguito delle rotazioni su se stesso, utilizzando delle gonne sovrapposte e vivacemente colorate con movimenti vorticosi molto apprezzati dal pubblico.

Antigravity

Sono stati presi d’assalto dai visitatori tutti i mercatini etnici, oltre 500 espositori di prodotti tipici provenienti dai Paesi partecipanti alla fiera. Nei vari stand c’era una ricca varietà di stoffe, kimoni, calzari, gioielli antichi, incensi, oli essenziali, tatoo all’henne, arazzi, cristalli, libri, infusi, spezie, campane tibetane, prodotti biologici e naturali ed un’infinità di altri oggetti di sapore orientale.

In questa settima edizione, un’area è stata dedicata al Benessere psicofisico: per gli appassionati è stata anche creata una zona dedicata alle discipline olistiche, lo yoga, l’ayurveda, lo shiatsu, la meditazione, la riflessologia plantare , il reiki, la kinesiologia e molte altre discipline tutte volte al benessere della persona ed all’integrazione di corpo e mente in un ottica di incontro tra oriente ed occidente.

Per i golosi e gli appassionati di cibi orientali c’era un’ampia scelta di degustazioni di prodotti tipici della cucina Thailandese, Indiana, Giapponese, Cinese, Marocchina ,Tibetana e di altre nazioni presenti.

Tra le novità nel settore dei massaggi ha spiccato il Banding Massage, presentato da Stefano De Michino, massaggiatore e docente di massaggi, esperto in tecniche di rilassamento: massaggio eseguito con l’aiuto di fasce elastiche di varie misure e colore, che eseguono una sorta di molleggiamento e basculamento sulle articolazioni e sulla postura, un metodo rilassante che svolge anche un’ azione drenante dovuto dalle pressioni delle fasce che agiscono sull’apparato muscolo-scheletrico, riequilibrandolo.

massaggio

Tra le varie tipologie di Yoga non poteva non attirare l’attenzione l’ Antigravity Yoga Pilates Meditation del Dr. Enrico Valbonesi, una tecnica innovativa e divertente di allenamento, relax e meditazione eseguita in sospensione sopra delle amache che permettono di aumentare notevolmente forza e flessibilità: anche chi è alle prime armi appena si trova all’interno dell’amaca ha una sensazione immediata di benessere e relax.

Tra le curiosità anche lo “Yoga della risata” ideato dal Dr Kataria, medico allopatico indiano, portato in Italia nel 2003 da Laura Toffolo, che ad oggi ha applicato questa tecnica sia nell’ambito del benessere che nel sociale, ma soprattutto nel campo aziendale collaborando con importanti aziende italiane.

Presente al Festival dell’Oriente anche il Dottor Stefano Silvestri, psicologo clinico, psicoterapeuta e fondatore di “Accademia “, Scuola di Counseling e Psicologia, nella quale prevale il metodo delle Costellazioni familiari di Bert Hellinger, che si basa sulla concentrazione del sentire del cuore, portandolo in primo piano rispetto alla mente.

Rimanendo in tema di formazione tra gli stand anche HRDnet che ha presentato il “One Night Seminar” di uno dei più noti e stimati formatori e Life & Business Coach d’Europa: Roberto Re.

Tra i prodotti naturali più in voga quest’anno all’interno della fiera il Sale dell’Himalaya, che conserva intatte le sue proprietà e i suoi effetti terapeutici sono riconosciuti anche dalla medicina ufficiale: le grotte di sale si utilizzano per curare pazienti affetti da asma, malattie polmonari e affezioni dermatologiche.

Il Festival dell’Oriente quest’anno è stato soprattutto una occasione di incontro e confronto tra le religioni e filosofie orientali ed occidentali: indusimo, buddismo, confucianesimo, zen, cristianesimo, taoismo, scintoismo, sciamanesimo ed altre religioni e filosofie per sperimentare la possibilità di un approcio diretto ad esperienze e modelli di vita alternativi.

Dato il grande successo di questa edizione gli organizzatori hanno annunciato un ulteriore ampliamento della manifestazione per il prossimo anno.

di Marialuisa Facchini


Vota l articolo!:
[Voti: 0   Media: 0/5]

Check Also

Coronavirus, i consigli per chi vive con malati di Alzheimer

Mantenere e stimolare le abilità cognitive e motorie delle persone con demenza; stimolare il loro …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *