“LA COMUNICAZIONE DI MUSEI E ARCHIVI D’IMPRESA”

Il libro che racconta come il Made in Italy abbia scelto un modo originale 

per promuovere le eccellenze italiane e stimolare la ripresa 

“Da dove ripartire? Dai musei delle aziende!” Lo afferma il nuovo libro di DOMENICO LIGGERI“LA COMUNICAZIONE DI MUSEI E ARCHIVI D’IMPRESA”, in cui si racconta come il Made in Italy abbia scelto questo modo originale per promuovere le eccellenze italiane e stimolare la ripresa.

Copertina libro_DOMENICO LIGGERI_b«I musei aziendali fanno bene alle imprese ma anche all’Italia – afferma Liggeri, docente all’Università IULM di Milano, dove insegna proprio Metodologia dei Musei d’Impresa – Queste strutture sono il perfetto esempio di come si possa mettere assieme il Pubblico e il Privato, perché sono utili alla crescita della reputazione commerciale e sociale delle aziende, ma allo stesso tempo creano nuovi Beni Culturali per il Paese.»

Il giornalista professionista racconta il modo in cui questo mondo comunica con l’esterno: come fa un museo a contribuire ai bilanci di un’azienda? E come può alimentarne il prestigio? Ma soprattutto, come fa ad attirare visitatori? Le risposte sono tutte in questo volume edito da Lubrina, appena uscito ma destinato a cambiare rapidamente il modo di guardare ai musei in generale e alle iniziative culturali delle imprese in particolare.

Un segnale di ottimismo del genio italiano che si mette in mostra con orgoglio, per superare la sfiducia, rilanciare l’economia e generare sentimenti positivi per tutta la società. Sono musei che raccontano l’Italia attraverso Cibo, Design, Moda e Motori, ma anche Economia, Industria, Arte, Editoria e Ricerca Scientifica. In esposizione, tutta la fantasia, l’intelligenza, l’operosità, la creatività degli italiani, fatta di oggetti bellissimi e storie emozionanti.

Con uno sguardo approfondito sul caleidoscopico mondo dei new media e dei social network: Facebook, Twitter, Instagram, Pinterest, You Tube, Flickr, i blog, WhatsApp e in generale Internet e gli Smartphone sono gli strumenti che stanno proiettando nel futuro i musei delle imprese (e non soltanto), già approdati all’avveniristico fenomeno dei musei virtuali, ovvero esposizioni che non esistono nella realtà ma soltanto sul web, ad alto tasso tecnologico e spettacolare.

DOMENICO LIGGERI affronta tutti questi aspetti mettendo a frutto la pluriennale esperienza nel mondo della comunicazione, come autore televisivo (Rai, Mediaset, La7, Sky), regista (cinema, videoclip, tv e teatro), saggista e scrittore (Mondadori, Bompiani) e attualmente di giornalista specializzato in turismo ed enogastronomia.

Questi i precedenti lavori: “Mani di forbice. La censura cinematografica in Italia” (Falsopiano, 1997), “Cosa resterà…” (Mondadori, 2004), “Musica per i nostri occhi. Storie e segreti dei videoclip” (Bompiani, 2007), “Quello che non ti aspetti” (Sperling & Kupfer, 2008).


Vota l articolo!:
[Voti: 0 Media: 0]

Check Also

Festival Canzone Italiana Polonia

Ritorna l’eccellenza musicale italiana per la 2ª edizione del “Festival della Canzone Italiana” in Polonia

Ritorna l’eccellenza musicale italiana per la 2ª edizione del “Festival della Canzone Italiana” in Polonia …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Supportaci!

Se ti piace il sito fallo conoscere in giro! 😀