“IL SIGNORE A ROTELLE”

imageIl 29 e 30 Marzo è stato rappresentato in anteprima presso il teatro Gianelli a Roma, lo spettacolo teatrale dal titolo “Il signore a rotelle”, tratto dal libro autobiografico di Attilio Spaccarelli “Troppe scale!”.

La pièce teatrale allestita dall’Associazione Culturale Itinerarte, con la regia di Lisa Colosimo e Stefania Papirio, ha un cast molto folto, oltre 20 persone che comprende attori professionisti ed attori giovani alle prime armi, tutti animati da una forte partecipazione al tema dello spettacolo.

La trama molto toccante, ossia la disabilità delle persone costrette su una sedia a rotelle per incidenti o malattie, è stata trattata con molta ironia pur tratteggiando le varie situazioni in maniera commovente:in questo si vede l’impegno dell’autore, coinvolto in prima persona in questa situazione, a sdrammatizzare la malattia con alcune forzature da commedia che strappano molte risate al pubblico.

Il pubblico che ha affollato entrambe le recite ha molto apprezzato la recitazione degli attori ed erano presenti anche diversi disabili che si sono molto compenetrati nelle storie della commedia.

image-4

L’iniziativa è stata sostenuta e promossa dal VII Municipio di Roma Capitale, le Associazioni Messaggi e Dark@Light, Radio Poddjo, Croce Rossa Italiana, Fisiomet, Soroptimist Club Roma Tre, Officina 06, l’Anmic, il Teatro Betti, il Centro D’Ambra, Geff Rock Band e Buffi Bistrot.

Dato il particolare impegno sociale dello spettacolo, le recite sono state aperte da un contributo di solidarietà letto dall’attore Pino Caruso.

Questo spettacolo va segnalato ed apprezzato per l’impegno di offrire al pubblico delle tematiche difficili e problematiche: visto il successo speriamo che lo spettacolo possa essere replicato in più teatri data la valenza sociale ed artistica dello stesso.

Marialuisa Facchini


Vota l articolo!:
[Voti: 1   Media: 1/5]

Check Also

Coronavirus, i consigli per chi vive con malati di Alzheimer

Mantenere e stimolare le abilità cognitive e motorie delle persone con demenza; stimolare il loro …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *