“GAIA E LA BALENA” IN ROTAZIONE RADIOFONICA

cover_CHE CI VADO A FARE A LONDRA (bassa)SECONDO SINGOLO ESTRATTO DAL NUOVO ALBUM DI INEDITI

“CHE CI VADO A FARE A LONDRA?” 

il disco contiene collaborazioni con Ron, The Folks, Kiave, Modena City Ramblers, Dargen D’Amico e il brano “Poetry as insurgent art” scritto con il poeta beat Lawrence Ferlinghetti

Dall’11 Aprile è in rotazione radiofonica “Gaia e la balena” secondo singolo estratto da “Che ci vado a fare a Londra?”, il nuovo psichedelico album di OMAR PEDRINI, (uscito il 28 gennaiosu etichetta Le Foglie e Il Vento e distribuzione Universal), che arriva a 8 anni dall’ultimo disco di inediti del cantautore bresciano.

Impreziosito da un vibrante featuring di Dargen d’Amico, il brano “GAIA E LA BALENA” è dedicato al mondo dell’infanzia. Gaia con la forza e la capacità di sognare che possiedono i bambini è convinta di poter trascinare una balena. Una fiaba d’altri tempi, un vecchio re, un pescatore e lei, che per fuggire cerca due ali d’aquila…

Ispirato all’opera “Gaia e la balena” di Stefano Bombardieri e impreziosito dal clip realizzato da Bee Studio e con le sorprendenti animazioni di Nicolò Paoli e Ruben Esposito, una canzone di Art Rock malinconica e piena di energia allo stesso tempo.

Omar Pedrini è tornato sulle scene con un disco di inediti di cui ancora una volta è autore di musica e testi. Ad impreziosire il progetto discografico dal respiro british rock con sfumature psichedeliche, sono presenti alcune prestigiose collaborazioni: con il rapper Kiave in “Jenny (scendi al fiume)”, con Ron e Dargen D’Amico in “Gaia e la balena”, con i Modena City Ramblers nel brano strumentale “Nonna Quercia folkband”.

CHE CI VADO A FARE A LONDRA?”, pubblicato da Universal, esce a 8 anni dall’ultimo disco di inediti “Pane, burro e medicine” (2006).


Vota l articolo!:
[Voti: 0   Media: 0/5]

Check Also

Coronavirus, al via a fine aprile i primi test del vaccino sull’uomo | Rezza (Cts): “E’ candidato promettente”

I test saranno effettuati su alcuni volontari britannici. Se ci saranno esiti positivi già a …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *