A ROMA IL GRAN BALLO RUSSO APRE LE DANZE DEL 2016

Sabato 9 gennaio 2016 – Hotel St. Regis (Via Vittorio Emanuele Orlando 3) di Roma 
 “GRAN BALLO RUSSO”, LA IV EDIZIONE APRE LE DANZE DEL 2016
«MASSIMA ESPRESSIONE DELLO SCAMBIO CULTURALE TRA ITALIA E RUSSIA»
Organizzato dalla Compagnia Nazionale di Danza Storica diretta da Nino Graziano Luca ed “Eventi Rome” di Yulia Bazarova
Gran Ballo Russo (1)Nell’elegante palazzo dell’Hotel St. Regis, situato nel cuore di Roma, tornano le atmosfere del XIX secolo grazie allo spettacolare “Gran Ballo Russo”, promosso in occasione della chiusura dell’Anno della letteratura in Russia. La IV edizione – in calendario sabato 9 gennaio – organizzata dalla Compagnia Nazionale di Danza Storica di Nino Graziano Luca, e da Eventi-Rome di Yulia Bazarova, promotrice della cultura russa in Italia, e con la collaborazione di Paolo Dragonetti De Torres Rutili dell’Associazione amici della grande Russia, sarà dedicata al grande poeta russo Michail Jur’evič Lermontov, e in particolare alla sua celebre commedia “Un ballo in Maschera“. L’opera, tra le più popolari del suo secolo, sarà infatti messa in scena – con la regia teatrale di Nino Graziano Luca – da illustri nomi dell’attuale panorama culturale russo: il ruolo dello stesso Lermontov sarà rappresentato dal noto regista e attore Nikolaj Burlyaev, la protagonista Nina Arbenina sarà interpretata dalla famosa attrice e cantante Marina Orlova, mentre l’attore Alexandr Kornelyuk reciterà la parte del marito. Gli attori che reciteranno invece la prosa in italiano saranno Angelica Pedatella e Davide Gramiccioli.
Centinaia di danzatori provenienti da molte città italiane e da alcune capitali europee si esibiranno in valzer, mazurke e danze tradizionali amate sia in Russia che nel Bel Paese, come la rinomata “Masquerade Quadrille” del compositore russo A. Khachaturian con coreografie di Nino Graziano Luca. Inoltre, il maestro russo Viktor Vasiliadi e sua moglie dirigeranno l’orchestra, proveniente direttamente dalla Grecia, di prodigiosi musicisti di età compresa tra i 10 e i 17 anni. I momenti di musica saranno arricchiti anche dalla voce del cantante lirico italiano Marco Felice, che diletterà gli ospiti cantando una canzone classica del repertorio napoletano “Dicitancelle Vujie” con qualche strofa in russo; ad accompagnarlo il maestro Giovanni Gava, direttore di cori e d’orchestra.
Gran-BalloLa solennità dell’atmosfera storica, oltre che nella musica, si respirerà nel trionfo del galateo, delle antiche tradizioni, e soprattutto dei costumi, alcuni dei quali ispirati a dipinti e illustrazioni dell’epoca. Nel tentativo di riportare alla luce la letteratura russa in Italia si promuoverà infatti un salotto letterario, sull’esempio di quello che nel 1829 la poetessa russa Zinaida Volkonskaya portò a Roma, crocevia di artisti e intellettuali provenienti da tutto il mondo. Nelle diverse sale che ospiteranno il Gran Ballo, verranno dunque letti brani del dramma “Un ballo in maschera”, accompagnati da musica classica.
Inoltre, nel corso della serata sarà consegnato a Burlyaev, attento studioso di Lermontov, il premio “Bozzetto d’oro”, ideato dall’azienda toscana di arredamento Savio Firmino e consegnato dal rappresentante Mayc Letzner. Un altro riconoscimento, il Prime Certificate, rappresentato da Inga Primak, sarà conferito agli ospiti che indosseranno il costume storico più originale e raffinato. Premierà Giulio Gargiullo, online marketing manager impegnato fra Italia e Russia.
Il prestigioso evento – accompagnato da una cena di gala e immortalato dagli scatti del fotografo Piero Fanizzi – ha come obiettivo lo sviluppo di relazioni amichevoli tra l’Italia e la Russia: parteciperanno rappresentanti dell’élite politica, intellettuale, artistica e professionale di entrambi le nazioni. «Il valore della manifestazione non si esaurisce nella stessa serata ma si diffonde concretamente negli ambienti delle due culture – ha sottolineato Nino Graziano Luca – il fascino e il successo delle scorse edizioni hanno portato la Compagnia ad essere negli anni apprezzata “ambasciatrice di italianità” nei palcoscenici e negli schermi televisivi russi, e viceversa a farsi portavoce, a passi di danza, del patrimonio culturale russo e della sua notevole influenza nella penisola».
La manifestazione vanta il patrocinio di: Forum di Dialogo Italo-Russo delle Società Civili, Centro Russo di Cultura e Scienza “Rossotrudnichestvo”, Fondazione “Centro per lo Sviluppo dei Rapporti Italia/Russia”, Chaine des Rôtisseurs DIGA e Comune di Roma. Si annoverano come media partner: General Media Partner – «Russia Beyond the Headlines», Rivista «Italia – la vita come arte”, PLANET360.info, rivista “Living Italy”, Radiocolors, Rossiskay Gazzetta e altri.

Vota l articolo!:
[Voti: 0   Media: 0/5]

Check Also

Il MEI – (meeting delle etichette indipendenti) 2020 di Faenza si colora di Puglia.

  Grande successo per il cantautore leccese Teto D’aprile vincitore del premio MEI (DiscoNovità) sul palco …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *