UNIONI CIVILI: CINQUE ANNI DOPO, VERSO IL DDL ZAN ATTRAVERSO OZPETEK

Oggi sono esattamente 5 anni dalla legge del governo Renzi che ha regolamentato ed introdotto le unioni civili per le coppie dello stesso sesso.

E’ singolare come tutto questo si sposi con il compleanno ventennale del film “Le Fate Ignoranti”,celebre opera a firma del maestro delle storie familiari Ferzan Ozpetek, uscito nel 2001, si appresta proprio nel suo ventennale a diventare serie tv.

Ebbene la storia è di dominio pubblico: Massimo e Antonia sono sposati e vivono la loro perfetta vita, ma quando Massimo verrà ucciso da un improvviso incidente d’auto, Antonia ne scoprirà una vera e propria vita parallela, la storia d’amore con Michele giovane inquilino di un palazzo abbastanza variopinto.

 

Antonia si butterà a capofitto nell’amicizia con Michele ma soprattutto rivivrà la seconda vita parallela del marito deceduto, tutto ciò attraverso un dipinto “La Fata Ignorante”.

Ebbene Ozpetek rilancia il suo capolavoro senza tempo, cambia gli attori e confeziona 8 episodi che sta già girando.

Tutto accade nei giorni in cui si discute se approvare o meno la legge contro l’ omotransfobia, meglio conosciuta come DDL ZAN .

Se ne sentono sempre di più simpatiche di teorie, a riguardo.

Giorgia Meloni non sa cosa vuol dire “gender”, ma nonostante ciò, vi si oppone con tutta se stessa.

Sedicenti movimenti destroidi, urlano allo scandalo se pensano ad un bambino che va a dormire nel lettone con i suoi genitori, se gli stessi sono per caso, dello stesso sesso.

E potrei continuare all’infinito, basta che vi citi Pillon, che sostiene che questa società costringe  “i maschietti” a vestirsi da donne.

Ma con questa mia visione non volevo ricordarvi quanto poco intelligenti sono alcuni esponenti politici, no, questo lo sapete già, vi volevo portare con me all’interno della mia testa.

Come Antonia, frutto della fantasia di Ozpetek, instaurerà un rapporto viscerale con Michele, l’ex amante del marito, e si farà avvolgere completamente da suoni, profumi, persone che coloravano la vita del suo defunto marito, e di cui con  il tempo non riuscirà a fare a meno, allo stesso modo, mi piacerebbe che la società si colorasse, finalmente.

Perchè dare addosso ad un esponente politico (vedi Ivan Scalfarotto, Italia Viva) solo perchè ha combattuto per i propri diritti, beh è davvero retrò.

E se proprio non vi va giù questa unione “strana” e se proprio non riuscite a fare a meno di bullizzare chi non la pensa come voi, vi invito al cinema, e ci guardiamo  “Le Fate Ignoranti”.

Chissà che l’arte, possa essere catartica, davvero, anche con chi come alcuni di voi, non capisce un’emerita mazza.

 

 

 

 


Vota l articolo!:
[Voti: 0   Media: 0/5]

Check Also

Ray Campa Disconovità Dance remix by Stefano Dani

Ray Campa – DISC⊗N⊗VITÀ – Feat Stefano Dany

Nuova versione “DISC⊗N⊗VITÀ” dance remix tutta da ballare! Dopo vari mesi rinchiusi in casa, la voglia …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *