GINO PAOLI E RENATO ZERO AL “BAMBINO GESÙ”

Il Presidente della SIAE Gino Paoli e Renato Zero hanno fatto visita ai piccoli pazienti dell’Ospedale Bambino Gesù di Roma per donare un microscopio al reparto MITA 2 del Padiglione Sant’Onofrio, Dipartimento di Onco-Ematologia Pediatrica e Medicina Trasfusionale, donazione che rientra nel programma “La Siae per gli Ospedali Pediatrici Italiani”. 

fotografia15

Ad accompagnarli nella visita al reparto il Direttore Generale della Siae Gaetano Blandini, il Presidente dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù Prof. Giuseppe Profiti e il Dr. Matteo Luciani del reparto di Onco-Ematologia.

Il programma “La Siae per gli Ospedali Pediatrici Italiani”, che va ad affiancarsi alle numerose iniziative benefiche che da sempre la Siae promuove, è nato quest’anno per sostenere tre strutture pediatriche italiane d’eccellenza come Il Bambino Gesù di Roma, l’Istituto Giannina Gaslini di Genova e l’Ospedale Pediatrico Meyer di Firenze, e aiutare con una donazione i singoli istituti impegnati nella ricerca medica fondamentale per i piccoli pazienti ricoverati.

Per ogni ospedale la Siae finanzia un particolare progetto e organizza incontri con personaggi popolari per regalare, anche per un solo giorno, un momento diverso ai bambini.

Gli altri incontri del programma si sono tenuti lo scorso 22 maggio con Gino Paoli e il Direttore Generale della Siae Gaetano Blandini in visita all’Istituto Giannina Gaslini di Genova per consegnare il contributo a favore del Progetto Strategico “Chirurgia Oncologica dell’apparato muscolo scheletrico” e il 17 maggio con Gianna Nannini in visita all’Ospedale Meyer di Firenze per la donazione del contributo per il “Progetto Adolescenti” teso a creare un’unità dedicata alla cura degli adolescenti e giovani adulti (dai 14 anni) con patologie oncoematologiche.


Vota l articolo!:
[Voti: 0   Media: 0/5]

Check Also

Coronavirus, i consigli per chi vive con malati di Alzheimer

Mantenere e stimolare le abilità cognitive e motorie delle persone con demenza; stimolare il loro …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *